• Marzo

    17

    2020
  • 197
Gli ultimi provvedimenti del governo a sostegno delle imprese

Gli ultimi provvedimenti del governo a sostegno delle imprese

Alla luce delle disposizioni emanate dal governo con il decreto del presidente del consiglio dei ministri del 17 marzo 2020 (Decreto c.d. “Cura Italia” d.l. 17 marzo 2020, n.18), Confidi per le imprese ribadisce la propria attività di assistenza per il credito, garantendo la piena operatività. Stiamo seguendo attentamente l’attivazione delle misure previste dal decreto “Cura Italia” e gli interventi previsti dalla Regione Emilia Romagna e da ogni altro ente territoriale per far fronte al fabbisogno di liquidità e di accesso al credito del sistema imprenditoriale. Al  momento il decreto prevede:

  • MISURE DI SOSTEGNO ALLE PMI

Le PMI potranno avvalersi di misure di sostegno finanziario:

  • per i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale, il pagamento delle rate o dei canoni di leasing in scadenza prima del 30 settembre 2020 è sospeso sino al 30 settembre 2020 e il piano di rimborso è dilazionato senza nuovi o maggiori oneri.
  • per le aperture di credito a revoca e per i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti alla data del 29 febbraio 2020, non possono essere revocati in tutto o in parte fino al 30 settembre 2020;
  • per i prestiti non rateali con scadenza contrattuale prima del 30 settembre 2020 i contratti sono prorogati, fino al 30 settembre 2020 alle medesime condizioni.

FONDO CENTRALE DI GARANZIA PMI :Per 9 mesi dal provvedimento, lo stato fornisce una garanzia per prestiti fino a 5 milioni di euro volta a investimenti e ristrutturazioni di situazioni debitorie, nel rispetto delle garanzie e dei limiti previsti dal provvedimento stesso. Tra le principali misure previste dall’art. 49 del D.L. rientrano:

  • gratuità della garanzia del Fondo;
  • incremento dell’importo massimo garantito per impresa fino a 5€/mln;
  • garanzia diretta fino all’80% e riassicurazione fino al 90% dell’importo garantito dal Confidi;
  • ammissibilità delle operazioni di rinegoziazione del debito;
  • allungamento automatico della garanzia del fondo in caso di moratoria o sospensione del finanziamento;
  • possibilità di ulteriori risorse grazie all’istituzione di sezioni speciali.

SUPPORTO ALLA LIQUIDITA’ DELLE IMPRESE: In favore delle imprese che hanno sofferto una riduzione del fatturato a causa della citata emergenza, Cassa depositi e prestiti S.p.A. è autorizzata a concedere liquidità, anche nella forma di garanzie di prima perdita su portafogli di finanziamenti, tramite banche e altri soggetti autorizzati all’esercizio del credito.La garanzia dello Stato è rilasciata in favore di Cassa depositi e prestiti S.p.A. fino ad un massimo dell’ottanta per cento dell’esposizione assunta.

© Copyright 2019 Teknologica Srl - Privacy Policy